Pubblicato in: 50+, Identità, Inverni, Libri, Luoghi, Mater, Notti

Mi ricordo quella sera – stasera – che il presagio di tuoni e lampi violentissimi annunciava come l’ultima, prima di una notte densa di fantasmi e di rimpianti. Mi ricordo le sigarette fumate a turno con mio fratello, come se l’alba non dovesse più arrivare, la perdita di cognizione del tempo, e il film di una vita intera scorrere insieme alle ore funestate da tutto quanto occorso e da quanto ignoto. Mi ricordo che non sapevo che di lì a poche ore avrei iniziato un diario rubando il titolo a Roland Barthes perché la scrittura esorcizzasse l’incubo, durasse il tempo necessario al dolore e poi accettasse di essere lasciato andare. Mi ricordo che non si dimentica, ma qualcosa di atono si installa in noi.

Annunci
Pubblicato in: 50+, Fili, Segreti, Stati d'animo

Mi ricordo per quanto tempo ho desiderato qualcosa di simile alla serata appena trascorsa, e quanto tempo ci ho messo a realizzare che (Igor, avevi ragione) le cose accadono quasi sempre quando smetti di desiderarle con quella intensità.

Pubblicato in: 50+, Fili, Inverni, Paure

Mi ricordo di aver avuto paura prima di entrare in ospedale due anni e mezzo fa. Prima di partire distrussi molta corrispondenza, cancellai molti files, blindai i miei numerosi quaderni online, e uscii a cena con le amiche più care. Insomma, lasciai le mie cose in ordine come se potessi anche non tornare. Ora mi viene da ridere, a ripensarci. Ora non mi fa paura praticamente più nulla.

Pubblicato in: 50+, Cibi, Notti, Segreti, Sensi

Mi ricordo che mi ero sempre detta: gradirei essere una preferenza, non una seconda scelta. Salvo cadere alla prima possibilità di una Diabolici Blond giusto la sera che la sua donna non c’è e il suo guinzaglio è meno corto. 🙄

Pubblicato in: 50+, Città, Sensi, Viaggi

Mi ricordo gli odori penetranti tra le bancarelle della Boqueria a Barcellona, lo stordimento ammiccante dei grappoli di peperoncini rossi da regalare a …, la dolcezza sensuale dei baccelli di vaniglia che mi sono portata via in una fiala di vetro.